Carlo Cafiero e la modernità: inaugurazione del restauro del busto

Ci abbiamo messo un po’ di tempo però finalmente ci siamo riusciti: dare continuità all’iniziativa svolta l’anno scorso per commemorare il 170esimo anniversario della nascita di Carlo Cafiero.
Quest’anno il nostro ambizioso progetto è stato quello di restaurare il suo busto ubicato sulla casa natale, restituendo alla città di Barletta un bene pubblico per troppo tempo abbandonato.
L’inaugurazione avvenuta ieri con la partecipazione di numerosi cittadini e una rappresentanza degli studenti del licei scientifico (a cui abbiamo donato un libricino autoprodotto con uno scritto di Carlo Cafiero dal titolo “La Rivoluzione”) ci ha permesso ancora una volta di ridare centralità alla figura di un anarchico e rivoluzionario conosciuto in tutto il mondo per il suo pensiero e le sue azioni.
Sappiamo benissimo che il contesto sociale in cui agiva Cafiero nella seconda metà dell’800 è completamente diverso dalla nostra contemporaneità, ma siamo anche convinti che Carlo Cafiero rappresenti a suo modo una forma elevata di modernità perché le ingiustizie e le disuguaglianze sociali contro cui combatteva hanno cambiato forma e pelle, ma purtroppo restano sempre temi attuali.
Quel busto che oggi ha ripreso vita è lì a ricordarci che non sempre la città di Barletta ha avuto politici mediocri interessati a compiacere un potere economico che mette a profitto le nostre vite, ma ci ammonisce anche del fatto che i tempi sono sempre maturi per cambiare le nostre società liberandole dallo sfruttamento e dalla miseria.

Collettivo Exit

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *