Messaggio dalle compagne e compagni italiani nella rivoluzione della Siria del Nord – Partigiani ed Internazionalisti

Quello che segue è un messaggio per il 25 aprile, arrivatoci dalle compagne e compagni italiani in questo momento in Rojava. Esiste un legame stretto tra Antifascismo ed internazionalismo, essere partigiani significa schierarsi in difesa della Resistenza in qualsiasi angolo del pianeta. In nostri compagni che con il loro lavoro, nelle organizzazioni civili e nella guerriglia, proteggono l’autonomia democratica dei popoli della Siria del nord onorano il sacrificio di tutti coloro che hanno dato la vita per provare a creare un’ Italia più libera e più giusta.
Oggi saremo in piazza anche per loro.
Serkeftin Hevalen!

 

Messaggio dalle compagne e compagni italiani nella rivoluzione della Siria del Nord – Partigiani ed Internazionalisti.

Settantatre anni fa l’Italia veniva liberata dall’oppressione nazi-fascista. I partigiani erano la parte di quella generazione che decise di combattere il fascismo e di lottare per una società più umana, libera e giusta. Un’impresa difficile per cui tanti hanno sacrificato la vita. tantissimi hanno rischiato di perderla, sono stati arrestati e torturati. Quanti hanno partecipato alla Resistenza rimarranno per sempre un esempio per tutto il mondo di coraggio e umanità.

Anche nella nostra epoca continua lo scontro tra chi lotta per una società libera, democratica e pacifica e chi vuole portare oppressione e guerra in nome di un popolo o di un dio superiore. Proprio come allora c’è chi è pronto a chiudere gli occhi o a sostenere il fascismo, nelle sue diverse forme, per ottenere più potere o più profitti. Noi abbiamo deciso di stare dall’altra parte, dalla parte della Resistenza, e sappiamo di non essere soli. In Italia e in tutto il mondo i nostri amici e compagni stanno nelle lotte dei lavoratori, degli studenti, dei migranti, nel movimento No Tav e ovunque ci siano persone che desiderano un futuro più umano e giusto.

Nella Siria del Nord, sta rivivendo lo stesso scontro che ha visto i partigiani combattere contro il fascismo. Il nemico è lo stesso che si combatteva sui nostri monti più di settanta anni fa, come anche la sua mentalità, ha solo cambiato volto: il fascismo di oggi in Siria ha la faccia di Erdogan, dell’ISIS e di al-Qaeda. Come all’epoca i nostri politici e i nostri governi quotidianamente tradiscono i valori della Resistenza, perché fanno affari con questo fascismo e ne tacciono i crimini – quando non li approvano esplicitamente. Per loro la rivoluzione della Siria del Nord è da distruggere perché rappresenta la speranza di una società libera, democratica e in cui diversi popoli vivano in amicizia.

In questa rivoluzione rivivono gli ideali dei partigiani di allora e, ispirati dal loro esempio, siamo venuti qui dall’Italia per difenderla e contribuirvi. Nonostante la distanza geografica e temporale, i nostri compagni curdi, arabi, assiri e turcomanni sentendo le storie della resistenza le sentono come quelle di persone loro compagne e amiche. Nelle lunghe notti passate al fronte e sotto i bombardamenti, nel lavoro quotidiano di costruire una società democratica e libera, spesso il nostro pensiero è andato a chi ha combattuto nella Resistenza, alla ricerca di una fonte di forza e coraggio per fronteggiare il fascismo di oggi. I martiri della Resistenza sono sangue del nostro sangue, nervi dei nostri nervi, e lotteremo sempre perché i loro valori non siano mai sconfitti.

«Marciavamo con l’ anima in spalla nelle tenebre la su

ma la lotta per la nostra libertà il cammino ci illuminerà»

Buon 25 Aprile a tutti gli antifascisti italiani!

Le compagne e i compagni italiani nella rivoluzione della Siria del Nord

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *