No Triv: Dopo la sentenza della Corte Costituzionale n.114/2017, il Mise revochi subito tutti i permessi di ricerca entro le 12 miglia

NOTA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE NO TRIV

DOPO LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE N. 114/2017, IL MISE REVOCHI SUBITO TUTTI I PERMESSI DI RICERCA ENTRO LE 12 MIGLIA

Con sentenza n. 114/2017, la Corte costituzionale ha chiarito che l’espressione «durata di vita utile del giacimento», contenuta nell’art. 6, comma 17, del Codice dell’ambiente, riguarda solo le concessioni per l’estrazione di idrocarburi liquidi e gassosi entro le 12 miglia e non anche i permessi di ricerca.

In altre parole, tutti i permessi di ricerca, variamente denominati, che oggi insistono entro le 12 miglia marine, non sono fatti salvi dalla legge.

Ragion per cui, chiediamo al Ministero dello Sviluppo Economico di conformarsi alla sentenza della Corte e di procedere a stretto giro alla revoca di tutti i permessi relativi alle 12 miglia marine, come ad esempio quelli di Ombrina Mare ed Elsa nell’off-shore abruzzese, ed il permesso di ricerca GR 15 PU, di Audax Energy, al largo delle Isole Egadi.

In questa richiesta si uniscano al Coordinamento Nazionale No Triv anche le Regioni, le Provincie ed i Comuni interessati.

Roma, 19 maggio 2017

Coordinamento Nazionale No Triv
https://www.notriv.com/
https://www.facebook.com/CoordinamentoNazNoTriv/

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *