“La donna non è la costola di Adamo” – Intervista ad Heval Zilan componente del comitato Jineoloji Europa (ita/eng)

“La donna non è la costola di Adamo”
[italian – english]

Intervista ad Heval Zilan componente del comitato Jineoloji Europa.
A cura di Fabio Fronterrè.

“La notizia della ritirata delle truppe USA è stata da subito edulcorata dalla stampa mainstream e non solo foraggiando una visione della situazione fortemente sensazionalista e distorta ed in parte disfattista, come se la rivoluzione confederale del Rojava si mantenesse in equilibrio esclusivamente grazie all’apporto dell’ “alleato” imperialista e non si basasse su una pluri decennale lotta rivoluzionaria. Il movimento non ha mai nascosto la natura strumentale dell’alleanza con l’esercito USA come con quello russo come non lo sta facendo rispetto ai suoi rapporti con l’ esercito di Assad da poco convenuto a Manbij su sua richiesta, in un gioco politico diplomatico, in cui l’agente rivoluzionario sa benissimo di non avere dalla sua parità di mezzi bellici e risorse.
Anche se in un primo momento non era rivolta al pubblico, ho chiesto a heval Zilan di poter pubblicare questa intervista, per rendere il lettore ancora una volta testimone di un’assoluta verità: la rivoluzione dei popoli della Siria del nord trova le sue radici storiche, politiche, sociali ed ideologiche molto più in là. Contro la narrazione tossica che spesso ha descritto la rivoluzione confederale solo in termini militari, questa intervista ci da la possibilità di comprendere che l’arma, forse più forte, è la lotta ideologica di cui questa rivoluzione è testimone e il progetto politico che essa sta attuando; cioè un sistema confederale volto all’organizzazione autonoma.
Ciò che le rivoluzionarie del Rojava stanno facendo assieme al movimento tutto, è quello di creare un immaginario sociale e politico altro basato su principi ideologici ben precisi avendo come scopo pratico la democrazia radicale, l’auto amministrazione a tutti livelli. Come si evince dal testo di seguito, nel momento in cui l’auto organizzazione dal basso, con tutti i risvolti politici e sociali che conseguono, diverrà uno “stile di vita interiorizzato dall’intera società” il lavoro può essere considerato compiuto; io aggiungo che solo questi valori resistenziali di solidarietà e l’ottimizzazione delle pratiche di autogestione possono porsi alla base di una irriducibile resistenza ad un’eventuale invasione turca o di altri stati imperialisti interessati a far cessare questa esperienza.
Buona lettura.”


1. Ciao Heval Zilan, potresti spiegarci la condizione delle donne in Medio Oriente?

Quando si parla dello status sociale delle donne in Medio Oriente, la maggior parte delle persone pensa immediatamente a una vita che ruota intorno alla religione, alla violenza etnica e al sessismo.
Certamente, ci sono ragioni concrete per tali associazioni, se consideriamo la situazione sul campo che è spesso modellata dalla guerra e dai conflitti. In altre parti del mondo, la modernità capitalista usa il religionismo, lo scientismo, il sessismo e il nazionalismo in modi più sottili e camuffati. Ma il sistema patriarcale sta implementando queste cose in Medio Oriente in un modo che non ha più bisogno di nascondersi. Mutilazioni genitali femminili, femminicidi non numerabili, nessuna garanzia istituzionale per assicurare il diritto alla vita delle donne … ecc. Ma questa situazione orribile non è sufficiente per comprendere adeguatamente la situazione delle donne in Medio Oriente. Perché? Perché c’è un retaggio di resistenza che viene dal profondo della storia. C’è una storia millenaria in Medio Oriente che si è svolta con la guida delle donne. Esiste una cultura della dea che proviene dalla società naturale. Le tracce di questa cultura sono ancora vive. Ecco perché il polso della resistenza femminile batte ancora. Possiamo riassumere la situazione in questo modo: nonostante tutti gli attacchi della modernità capitalista, c’è un risveglio delle donne che è nutrito da questa vena di resistenza. Infatti, oltre la leadership delle donne nella rivoluzione del Rojava e in altre parti del Kurdistan, assistiamo a sollevazioni, ribellioni e resistenza organizzate da donne in Egitto, Tunisia, Iraq, Iran e altrove.

2. Perchè e come nasce il partito delle donne curde?

Il partito delle donne è stato annunciato per la prima volta nel 1999 come PJKK (Partito delle donne lavoratrici del Kurdistan), ma le sue origini sono più antiche. Quando le donne si unirono sempre più alla lotta per la libertà basata su contraddizioni nazionali e classiche, divennero sempre più consapevoli di fondamentali contraddizioni. Nelle loro lotte politiche, militari e sociali, le donne hanno costantemente affrontato le categorie sociali e i sistemi basati su mentalità e ordini patriarcali. Così, hanno constatato che la loro lotta di liberazione non avrebbe avuto successo senza il superamento del dominio maschile. Gli sforzi di Abdullah Öcalan nello sviluppo di questa consapevolezza sono stati cruciali. Cerchiamo di approfondire brevemente questo argomento: la relazione simbiotica sviluppata tra le donne nella lotta per la libertà e Abdullah Öcalan.
Reber Apo ha mobilitato la forza e le capacità delle donne per creare, raggiungere e trasformare una forza organizzata. Quindi, ha costantemente aperto ambiti di lotta per le donne. Cominciò articolando critiche sulle mentalità sociali. Il suo libro, “Le donne e il problema della famiglia in Kurdistan”, che racchiude le sue analisi su questi temi e pubblicato nel 1987, fu un importante punto di svolta.
Con l’inizio dell’organizzazione autonoma delle donne nella sfera militare, un processo iniziato nel 1993 e istituzionalizzato con YAJK (Women’s Freedom Union of Kurdistan) nel 1995, è stata aperta la strada verso la formazione di un partito femminile. Questi passaggi sono riusciti a superare alcuni ostacoli e tabù della società. La formazione del partito femminile costituiva una mobilitazione ideologica delle donne contro il sistema patriarcale. Tutte le strutture costruite da allora hanno aumentato la consapevolezza, la sofisticazione e il potere organizzato della lotta delle donne. In questo senso, non c’era un piano prestabilito, immodificabile, ma i risultati arrivarono piuttosto come risultato della lotta attiva delle compagne.

3. Chi sono state le promotrici di questo processo?

Soprattutto, sono state le donne che partecipavano alla guerriglia per la lotta per la libertà. Non sarebbe comunque realistico affermare che tutte hanno sostenuto questo periodo in modo uguale. Emersero molte donne importanti, che credettero nell’urgenza di questo cambiamento.

Molte di loro presero parte all’amministrazione del partito femminile (all’epoca c’era un comitato centrale). La formazione del partito, la lotta delle guerrigliere, l’auto-organizzazione, ecc., evidenziavano continuamente l’importanza dell’autonomia a livelli più alti per le donne, individualmente e collettivamente.
Fu necessaria una lunga lotta non solo per interiorizzare l’importanza dell’auto-organizzazione tra le donne nella lotta, ma anche per trasformarla in una lotta nella società.

4. Qual è la definizione di donna per il movimento?

Cerchiamo prima di chiarire che non definiamo le donne in un modo che enfatizzi la loro biologia. Contro questo, Öcalan fa notare che in effetti, biologicamente, il femminile comprende anche il maschile. Tutti i tentativi ideologici di ridurre le donne ai loro corpi in maniera sessista sono modi per minare la sua esistenza in una che può essere mercificata e dominata a beneficio del patriarcato. Sarebbe meglio descrivere la donna soprattutto nel senso di una densità o concentrazione delle relazioni sociali. Se facciamo riferimenti alla sua intelligenza emotiva, alla sua capacità di partorire, alla creatività, ecc. ciò attira l’attenzione sulla cultura che sviluppa attorno a questi aspetti, così come gli sviluppi sociali a cui questa cultura contribuisce. Quindi, al di là del trattamento della donna come sesso biologico, il sistema patriarcale tratta le donne come una razza, una classe e una nazione separate. Ecco perché è sbagliato ridurre la femminilità alle dimensioni biologiche. Alcuni dei suoi aspetti biologici, se combinati con le relazioni sociali, possono tuttavia esprimere una forma di leadership naturale.
Non sarebbe giusto formulare una definizione statica di femminilità. Anche la nostra filosofia “xwebûn” (essere se stessi) si basa su questo. È importante il modo in cui le donne si definiscono. Perché ciò avvenga in modo significativo, le donne devono soprattutto rifiutare le pratiche di denominazione patriarcale. È così che l’identità delle donne può iniziare a creare se stessa.

5. E riguardo altre identità di genere?

Non è possibile descrivere le identità in Kurdistan con un punto di vista eurocentrico. In Kurdistan, tali identità non sono ridotte alle loro vite o preferenze sessuali, ma vengono analizzate in termini di contributo alla vita sociale e alla divisione del lavoro. È possibile che la società kurda non sia così avanzata come quella europea in termini di descrizione teorica di queste cose. Ma anche se ignari di discussioni teoriche di questa natura, in villaggi al di fuori dell’influenza della modernità, diverse identità partecipano alla riproduzione della vita quotidiana. Lo stesso vale per il trattamento delle diverse identità di genere nella società naturale. La vera rottura avviene quando queste identità sono state alterate con l’interferenza della modernità nella vita della società naturale.
Siamo contrari alla definizione di identità sociali basate esclusivamente sulla loro vita sessuale. Questo fenomeno è collegato all’istigazione della sessualità capitalista della modernità per mercificarlo come parte delle industrie del profitto. La tragedia consiste che queste identità, affrontate con discriminazione e criminalizzazione, spesso limitano le loro lotte a trovarsi uno spazio all’interno del sistema oppressivo esistente. Mentre non dobbiamo dimenticare che le diverse identità sono naturali e meritevoli di riconoscimento, c’è uno sforzo del sistema enfatizzare eccessivamente la sessualità.

6. Qual è la teoria alla base del movimento delle donne?

All’inizio, abbiamo cercato di capire e analizzare il problema delle donne curde nel contesto di arretratezza e colonizzazione feudale;da qui in avanti grazie a molti anni di esperienza di lotta e di ricerca, capiamo che la questione delle donne è molto più profonda e radicata in 5000 anni di patriarcato. Pertanto, riunirsi e unirsi a un movimento rivoluzionario non è stato sufficiente per superare gli atteggiamenti ereditati dal patriarcato, dal colonialismo e dalle strutture feudali. Inoltre c’è stato un tentativo di rigenerare i ruoli tradizionali nel movimento. Di tanto in tanto, alcuni uomini si avvicinavano alle donne con il classico senso di protezione, cercavano di rompere la volontà delle donne e renderle dipendenti da essi. Inoltre, alcuni di loro vedevano le donne come un ostacolo arretrato alla guerra a causa della loro natura ecc. Naturalmente, anche l’uomo ha avuto qualche difficoltà a capire le donne nella rivoluzione perché era la prima volta che avevano una relazione con loro al di fuori dei legami convenzionali con madri e sorelle e mogli. Reber Apo ha iniziato a problematizzare questi approcci umani alle donne come un lato negativo del movimento o della controrivoluzione.

Per sviluppare la consapevolezza e l’esperienza delle donne acquisite nella lotta per la libertà, Reber Öcalan ha introdotto la “teoria della rottura”. Questa teoria fondamentalmente significa rompere con il sistema di dominio patriarcale e il conseguente asservimento delle donne. Ha aiutato le donne curde a sviluppare una più profonda comprensione del sistema dominante e acquisire coscienza, coraggio e una postura per combatterlo. Parallelamente alla teoria, le donne hanno svolto molte attività per la liberazione e l’auto-riflessione degli uomini nell’ambito del progetto di trasformazione degli stessi. Significativamente, durante questi anni, Reber Ocalan ha iniziato a parlare di un nuovo concetto; “uccidere il maschio dominante”. Con questo concetto la lotta per la libertà delle donne divenne più radicale. L’uomo ha anche iniziato a discutere di come il patriarcato lo abbia plasmato nella società, in che modo devono anche staccarsi dal maschio dominate in termini psicologici, culturali e mentali. Reber Apo ha anche descritto il forte legame tra dominio maschile, potere, disuguaglianza, fascismo ecc. e ha affermato che “In effetti, uccidere l’uomo dominante è il principio fondamentale del socialismo. Questo è ciò che significa “uccidere il potere”: uccidere il dominio unilaterale, la disuguaglianza e l’intolleranza. Inoltre, uccidere il fascismo, la dittatura e il dispotismo “. Si può dire che uccidere il maschio dominante fu il primo cambio di paradigma nel movimento. Queste teorie hanno svolto un ruolo enorme nello sviluppo della coscienza di genere e hanno approfondito i dibattiti sulla dominazione maschile e sulla mascolinità nel movimento. Inoltre, ci ha aiutato a capire che il progetto della trasformazione degli uomini e della lotta di genere è un processo in corso.

7. Quali sono e come funzionano le organizzazioni delle donne in Rojava?

Prima di tutto, vorrei dire che non classifichiamo la nostra organizzazione meno o più importante, più piccola o più grande delle altre. Tutte le organizzazioni femminili sono molto importanti e istituite in base alle esigenze delle donne nelle quattro parti del Kurdistan come in Europa.
Le donne hanno svolto un ruolo significativo nella rivoluzione del Rojava.
Esse si sono organizzate autonomamente in tutti gli ambiti della vita: sociale, politica, economia, cultura-arte, autodifesa, governo locale, ecologia, stampa-media, diplomazia e così via sotto l’ombrello dell’organizzazione denominata Kongre Star.

Riteniamo che sia necessario organizzare autonomamente tutti gli ambiti della vita per mettere in discussione la struttura e la mentalità patriarcali. Crediamo anche che, senza la liberazione delle donne, non possiamo costruire una società veramente libera.
Pertanto, sotto l’ombrello dell’organizzazione Kongre star, le donne in Rojava, si organizzano ovunque e tutte le componenti, le parti, le organizzazioni, le istituzioni, le associazioni, l’accademia, cooperative economiche, condividono e cooperano e costruiscono relazioni l’una con l’altra.

Ad esempio, ogni distretto ha comunità femminili locali o assemblee di donne in cui si riuniscono, si organizzano, prendono decisioni collettive sulle loro necessità e preoccupazioni.

Ci sono anche le Mala Jinan (“casa delle donne”) che si occupano principalmente di casi di violenza di genere, e i comitati economici che mirano a sviluppare “l’economia comunale”. Ci sono inoltre molte cooperative di donne stabilite localmente volte a soddisfare le loro esigenze economiche, e per produrre prodotti a prezzo più basso, ecc.
La quota di genere del 40% è implementata in tutte le istituzioni e amministrazioni del sistema confederale.

8. Quali sono le pratiche quotidiane per promuovere la lotta delle donne?

Prima di tutto, vorrei dire che pratichiamo molto , abbiamo lotatto tanto e quindi accumulato molta esperienza. Una cosa è stata sempre davvero vitale nella nostra lotta: abbiamo cercato di imparare dalla nostra esperienza, specialmente dalla nostra debolezza ogni giorno, per rafforzare la nostra lotta.

Il forte legame con una compagna o compagno si basa sul rafforzarsi reciprocamente: le nostre attività quotidiane e le pratiche come l’istruzione, l’azione, la discussione quotidiana, la critica e l’autocritica nel movimento e nella società rafforzano molto la nostra lotta ogni giorno. Creare un forte legame tra teoria e pratica, sociologia e ideologia e avere un forte legame con la società sono anche le pratiche chiave che promuovono la nostra lotta per la libertà ogni giorno.

9. Come ha reagito la società all’auto organizzazione delle donne?

All’inizio c’era una tendenza tra gli uomini a rifiutarsi di vedere il valore dell’organizzazione autonoma delle donne. Hanno detto cose come “Tutti noi lottiamo per la stessa causa, perché c’è bisogno di un’organizzazione separata?” Chiaramente, non hanno preso gli sforzi seriamente. Altri hanno visto gli sforzi organizzativi delle donne come un’aggiunta complementare o di supporto alla lotta. Anche se questi non ostacolavano gli sforzi, non riuscirono a vedere la profondità di questa lotta perché si astennero dall’analizzarla e dal contribuire in termini strategici. Allo stesso modo, c’era chi vedeva l’organizzazione autonoma delle donne come una contrazione delle proprie sfere di influenza e potere. Sebbene tali persone possano essersi astenute dallo scontro diretto a causa dell’atteggiamento determinato di Ocalan verso le donne, c’erano molti modi sottili in cui gli uomini cercavano di ostacolare e minare questi sforzi. Ad esempio, alcuni hanno cercato di dividere la volontà delle donne, controllare le condizioni materiali, incolparle per i fallimenti e attribuire sviluppi negativi all’auto-organizzazione delle donne, ecc. In altre parole, gli sforzi delle compagne erano visti come ostacoli alla causa. Ma col crescere della lotta, queste resistenze iniziali furono ampiamente superate. La resistenza delle donne del PKK nei confronti del nemico spesso comportava rotture rivoluzionarie e punti di svolta, anche nei momenti in cui il PKK stava affrontando difficoltà politiche e militari. Ci sono molti esempi di donne come Beritan (Gülnaz Karatas) o Zilan (Zeynep Kinaci), le cui vite e i sacrifici costituiscono punti di svolta nella lotta delle donne kurde all’interno del PKK; donne come Ronahî (Nilgün Yildirim) e Berîvan (Bedriye Tas), che si auto-immolarono contro la messa al bando del PKK da parte dello stato tedesco nel 1994. Oggi vediamo il modo organizzato in cui le donne resistono contro il totale isolamento di diversi anni di Abdullah Öcalan sull’isola di Imrali. Esempio di volontà è la deputata Kurda Leyla Güven, che è stata in sciopero della fame, chiusa in una cella di una prigione, per più di 40 giorni. Ci sono un sacco di esempi dei modi in cui la fiducia in se stessi e l’azione organizzata delle donne sono sempre più riflesse all’interno della società. Basti pensare alla costituzione socio-economica femminilizzatrice di base delle centinaia di migliaia di persone, che sono sempre pronte per l’azione in Kurdistan.

10. Come le donne del movimento coinvolgono altre donne a partecipare al loro progetto di libertà?

Con la maggiore visibilità della lotta delle donne curde, molti attiviste e femministe iniziarono a impegnarsi a promuovere la loro comprensione delle dimensioni ideologiche, teoriche e pratiche della nostra lotta. Sempre più movimenti femminili cercano ora di costruire ponti tra loro e le donne in Kurdistan. Certamente, chiunque crede nella giustizia della propria causa vorrà aumentare il numero di coloro che marciano sullo stesso percorso. Non c’è nulla di più naturale di questo. Più che sui metodi per raggiungere questo scopo, è importante concentrarsi sull’aumento della consapevolezza della libertà tra le donne. Vogliamo condividere la nostra lotta, le nostre esperienze con tutte le donne nel mondo. Apprezziamo molto anche le loro esperienze. È impossibile prevedere le conclusioni che donne diverse trarranno da queste o in che misura saranno disposte a combattere. Non è nostro compito, come movimento che parla dell’autonomia e della forza di volontà delle donne, di imporre modi e metodi alle altre, poiché le donne in diverse parti del mondo conoscono le loro condizioni e le loro esigenze meglio degli estranei. Tuttavia, dobbiamo organizzare un fronte femminile comune per superare il sistema patriarcale e trasformare questo secolo nell’era della liberazione delle donne.

11. Qual è il vostro punto di vista sul femminismo occidentale?

Non esiste un’unica definizione o unico approccio del femminismo. In generale, si può affermare che il femminismo ha svolto un ruolo significativo per far vedere le donne, la lotta e l’esperienza visibili negli ultimi 200 anni. Molti attiviste e ricercatrici femministe hanno svolto un lavoro importante per comprendere il legame tra patriarcato, sessismo, conoscenza, struttura maschile, ecc. Le loro opere, analisi e lotte hanno dato importanti contributi e rafforzano il nostro lavoro.
D’altra parte, abbiamo anche alcune critiche al femminismo, ad esempio l’analisi del femminismo mainstream del sessismo solo in termini di genere. Abbiamo anche bisogno di analizzare profondamente gli effetti del liberalismo sul femminismo oggi. Sotto il liberalismo ci sono la libertà individuale estrema e il consumismo che vengono spesso propugnati come libertà e uguaglianza. Inoltre, a causa dell’impatto del liberalismo,vi è l’incapacità del femminismo di mobilitarsi a livello di base. Recentemente il femminismo sottolinea ‘intersezionalità’ che è importante per collegare tra loro forme di oppressione e avere un approccio olistico. Tuttavia, si può dire che c’è il fallimento nel toccare le vite reali di milioni di donne.
Come movimento di liberazione delle donne del Kurdistan, il nostro obiettivo non è quello di suggerire che il femminismo e il movimento delle donne kurde siano due cose separate. Vogliamo esplorare le loro relazioni e concentrarci sugli approcci originali del movimento delle donne kurde che potrebbero fornire alcune prospettive per altri movimenti. Pertanto, uno degli obiettivi principali di Jineoloji è quello di costruire un ponte tra questi importanti risultati e lavorare insieme per rafforzare la lotta delle donne, per costruire un campo alternativo di scienze femminili per l’intera società, per superare l’attuale frammentazione, per rafforzare le intersezioni.

12. Quali sono i risultati raggiunti dal movimento delle donne e quali sono le prospettive future ?

Abbiamo raggiunto risultati importanti nella lotta di liberazione delle donne. nelle quattro parti del Kurdistan, le donne hanno oggi organizzazioni autonome di autodifesa. Nel nostro movimento, attuiamo il principio di eguale partecipazione – pari rappresentanza, così come la co-presidenza in tutti i campi, così come l’autonomia autonoma delle donne nel regno dell’economia, della cultura, della diplomazia, dell’arte, ecc. Questi sono tutti parte di la lotta delle donne kurde per costruire un sistema confederale femminile autonomo. Tuttavia, ciò non è sufficiente. È fondamentale che questi meccanismi istituzionali o garanzie siano interiorizzati come uno stile di vita, al di là dei principi organizzativi. Questo può accadere solo con una trasformazione e una lotta sociale rivoluzionaria e olistica, che si organizzerà attorno ai principi liberazionisti finché questi non saranno interiorizzati con tutto il cuore dalla società.

questa intervista è presente anche su: https://agirebablisoke.wordpress.com/

 


 

“Woman is not Adam’s rib”
Interview with Heval Zilan, member of the Jineoloji Europa committee.
Curated by Fabio Fronterrè.

1. Hi Heval Zilan, can you explain to us the women’s condition in Middle Easth ?

When speaking about the societal status of women in the Middle East, most people immediately think of a life that revolves around religion, ethnic violence and sexism. Of course, there are concrete reasons for such associations, if we consider the situation on the ground that is often shaped by war and conflict. In other parts of he world, capitalist modernity uses religionism, scienticism, sexism and nationalism in more subtle and disguised. But the patriarchal system is implementing these things in the Middle East in a way that feels no need to hide anymore.Female genital mutilation, uncountable feminicides, no institutional guarantees to secure women’s right to live… etc. But these horrible conditions do not suffice to adequately understand the situation of women in the Middle East.Why? Because there is a resistance legacy that comes from the depthsof history.There is a millenia-old history in the Middle East that took place with the leadership of women. There is a goddess culture that comes from natural society. The traces of this culture are still alive. That is why women’s resistance pulse is still beating.We can summarize the situation in this manner: despite all the attacks of capitalist modernity, there is a women’s awakening that is nourished by these veins of resistance.Beyond the leadership of women in the Rojava revolution and other parts of Kurdistan, we see immensely courageous uprisings, rebellions and organized resistance from women in Egypt, Tunisia, Iraq, Iran, and elsewhere.

2. Why did Kurdish women’s party born and how?

The women’s party was first announced in 1999 as the PJKK (Kurdistan Working Women’s Party), but its foundations are older. When increasingly joined the freedom struggle based on national and class contradictions, they increasingly became aware of a more fundamental contradiction.
.He mobilized women’s powe to create, achieve and transform into an organized force.So, he constantly opened struggle spheres for women. He began by articulating critiques on societal mentalities.His book, “Women and the Family Problem in Kurdistan”, which was compiled from his analyses on these issues and published as a book in 1987, was a major turning point. With the beginning of women’s autonomous organizing in the military sphere, a process that started with 1993 and was institutionalized with the YAJK (Women’s Freedom Union of Kurdistan) in 1995, the path towards forming a women’s party was opened. These steps managed to break with some societal obstacles and taboos. The women’s party formation constituted an ideological mobilization of women against the patriarchal system. All of the structures built ever since increased the consciousness, sophistication and organized power of the women’s struggle. In this sense, there was no pre-determined, unchangeable plan, but the achievements came rather as a result of women’s active struggle.

3. Who were the promoters of this process?

Above all, it is the guerrilla women in the freedom struggle. It would not be realistic to state that everyone supported this period in an equal manner. But many leading women emerged, who believed in the urgency of it.Many of them took part in the women’s party’s administration (there was a central committee at the time).Women’s party formation, guerrilla struggle, self-organization etc. continuously carried the importance of autonomy to higher stages for women, individually and collectively. A long struggle was necessary not only to internalize the importance of self-organization among women in the struggle, but also to turn it into a struggle in society.

4. What is the definition of woman in the (Kurdish) Movement?

Let us first clarify that we do not define women in a manner than emphasizes her biology. Against this, Öcalan does point out that in fact, biologically, the feminine encompasses the masculine as well. All the ideological attempts to reduce women to their bodies in sexist manners are ways to undermine her existence into one that can be commodified and dominated for the benefit of patriarchy. It would be best to describe woman above all in the sense of a density or concentration of societal relations.So if we make references to her emotional intelligence, ability to give birth, creativity etc.it is to drawattention to the culture she develops around these featurse, as well as the social developments that this culture contributes to. Thus, beyond treating womanhood as a biological sex, the patriarchal system treats women as a separate race, class and nation.That is why it is wrong to reduce womanhood to biological dimensions. Some of her biological aspects, when combined with societal relations, can however express a form of natural leadership.
It would not be right to formulate a static definition of womanhood. Our “xwebûn” (being oneself) philosophy rests on this as well.It matters how women define themselves. For this to happen in a meaningful manner, women must above all reject patriarchal naming practices. This is how women’s identity can begin to create itself

5. And what’s about the others gender’s idendity?

It is not possible to describe identities in Kurdistan with a Eurocentric viewpoint. In Kurdistan, such identities are not reduced to their sexual lives or preferences, but are analysed in terms of their contribution to social life and division of labour. It is possible that Kurdish society is not as advanced as European conditions in terms of theoretically describing these things. But even if oblivious to theoretical discussions of this nature, in villages outside of the influence of modernity, different identities participate in the reproduction of daily life. The same is the case for the treatement of different gender identities in natural society. The actual rupture takes place when these identities were other-ized with the interference of modernity in the life of natural society.
We are against the definition of societal identities solely based on their sexual lives.This phenomenon is related to capitalist modernity’s incitement of sexuality to commodify it as part of profit industries. The tragedy consists of these identities, faced with discrimination and criminalization, oftenlimiting their struggles to finding themselves a space within the existing oppressive system.So while we must not forget that different identities are natural and deserving of recognition, there is an effort of the system to overemphasize sexuality.

6. What is the theory behind the movement of women?

In the beginning , we tried to understand and analyses the problem of Kurdish women in context of feudal backwardness and colonisation , latter on along with many years of our experience of struggle and our research , we do understand women issue is much deeper and rooted in 5000 years old patriarchy . Therefore , coming together and joining a revolutionary movement was not enough to overcome the attitudes inherited from patriarchy, colonialism and feudal structures. Additionally there was an attempt at regenerating traditional roles in the movement . From time to time, some men comrade approached to women in the classic sense of protection, tried to break women’s will and make women dependent on them. Additionally, some of them saw women as a backward obstacle to war because of women’s nature etc. Of course, man also had some difficulty to understand women in the revolution because it was first time they had relation with women outside of mother- sister- wife ties. Reber Apo started to problematize these man approaches to women as a bad side of the movement or counter -revolution .
In order to build on the consciousness and experience women gained in the freedom struggle, ReberÖcalan introduced the theory of breaking- off. The theory basically means to break-off with the system of patriarchal domination and characteristics of enslaved women. It helped Kurdish women to develop a deeper understanding of the dominant system as well as to gain the consciousness, courage and stance to fight against it. Parallel to the theory , women have carried out many activities for the liberation and self-reflection of men under the project of men’s transformation.
Significantly, during these years , Reber Ocalan began talking about a new concept ; killing the dominate male . With the concept killing dominate male, women’s freedom struggle become more radicalised . Man also started to discuss how patriarchy has shaped man in the society , how they also must break off from dominate man in psychologically , culturally and mentality . Reber Apo also made strong link between male domination, power, inequality, fascism etc and he said that “Indeed, to kill the dominant man is the fundamental principle of socialism. This is what killing power means: to kill the one-sided domination, the inequality and intolerance. Moreover, it is to kill fascism, dictatorship and despotism.” It can be said that , killing the dominant male was the first paradigm change in the movement. These theories have played a tremendous role in the development of gender consciousness and deepened debates about male domination and masculinity in the movement. Additionally , it helped us to understand that project of men’s transformation and gender struggle is ongoing process .

7. What are the women’s organizations in Rojava and how do they work?

First of all , I would like to say that , we do not categorised our organisation less important / very important or small / big. All of the women’s organisations are very important and established based on women’s needs in four part of Kurdistan, Europe including Rojava . Women have been playing significant role in Rojava revolution. Women have organised themselves autonomously all areas of life ; social , political, economics, culture -art , self-defence , local government , ecology , press -media, diplomacy and so on under umbrella organisation called Kongre Star. We believe that , it is necessity to organise all areas of life autonomously in order to challenge patriarchal structure and mentalities. We also believe that , without women liberation we cannot build a truly free society.
Therefore , under the umbrella organisation Kongre star, women in Rojava , organising themselves everywhere and all components, parties, organizations, institutions, associations, academy , cooperative and share and cooperate and build relationship with each other . For example, every district has local women communes or women assembly in which women come together , organise themselves , make collective decision on their need and concern. There are also Mala Jinan ( in English , “ Women’s Houses) which primarily deal with violence against women, economic committees which aims to develop “communal economy” . Many women cooperative established locally to meet their economic needs , to produce lower price product etc. Gender quota of 40% is implemented in all institutions and administrations.

8. What are the quotidian practise for women’s struggle promotion?

First of all , I would like to say that we experience a lot, we have struggle a lot , we have accumulated a lot. One thing was really vital in our struggle all the time; we have tried to learn from our own experience especially from our weakness every day to strengthen our struggle. Our strong companionship with comrade which based on empowering each other, our daily activities and practices such as education, action , daily discussion , criticism and self-criticism in the movement and society very much promote our struggle every day. Making strong link between theory and practice, sociology and ideology, and have a strong tie with society also are key practice promote our freedom struggle everyday

9. How did society react to the self-organization of women?

At the beginning, there was a tendency among men to refuse to see the value in women’s autonomous organization. They said things like “We all struggle for the same cause, why is there a need for such separate organization?” Clearly, they didn’t take the efforts seriosly. Others saw the women’s organizing efforts as a complimentary or supportive addition to the struggle.Even if these did not obstruct the efforts, they failed to see the depth of this struggle because they refrained from analyzing it and contributing to it in strategic terms.Likewise, there were those who saw women’s autonomous organization as a shrinking of their own spheres of infuence and power.Although such people may have refrained from direct confrontation due to the determined attitude of Öcalan towards women, who viewed it as a strategic project to enable women’s autonomous organizedness, there were many subtle ways in which men tried to obstruct and undermine these efforts. For instance, some tried to divide women’s will, control material conditions,blame women for failures, and attribute negative developments to women’s self-organization, etc. In other words, women’s efforts were seen as obstacles to the cause.But with women’s increased struggle, these initial resistances were largely overcome. The PKK women’s resistance vis-à-vis the enemy often constituted revolutionary ruptures and turning points, including at times when the PKK was facing difficulties politically and militarily. There are many examples of women like Beritan (Gülnaz Karatas)or Zilan (Zeynep Kinaci), whose lives and deaths constitute turning points in the Kurdish women’s struggle within the PKK, or women likeRonahî (Nilgün Yildirim)and Berîvan (Bedriye Tas), who self-immolated against the German state’s PKK ban in 1994.Today, we see the organized manner in which women resist against the several years-old total isolation of Abdullah Öcalan on Imrali island, such as in the personage and willpower of Kurdish MP Leyla Güven, who has been on hunger strike from her prison cell for more than 40 days at this point. There are tons of examples of the ways in which the self-confidence and organized action of women are being more and more reflected inside society. It is enough to consider the feminizing grassroots socio-economic make-up of the hundreds of thousands of people, who are always ready for action in Kurdistan.

10. How do women in the movement involve other women to participate in their freedom project?

With the increased visibility of the Kurdish women’s struggle, many women’s activists and feminists began engaging in furthering their understanding of the Kurdish women’s struggle’s ideological, theoretical and practical dimensions. More and more women’s movements try to build bridges between themselves and women in Kurdistan now.Of course, everyone who believes in the justice of their cause will want the number of those, who march on the same path, to increase.There is nothing more natural than this. More than on the methods to achieve this end, it is important to focus on increasing freedom consciousness among women.We want to share our struggle, our experiences with all women in the world. We highly value their experiences as well. It is impossible to foresee the conclusions that different women will draw from these or to what extent they will be willing to fight.It is also not up to us, as a movement that speaks of women’s autonomy and willpower, to impose ways and methods on others, since women in different parts of the world know their conditions and needs better than outsiders. Yet, we must organize a common women’s front to overcome the patriarchal system and turn this century into the era of women’s liberation.

11. What is your point of view about western feminism?

There is no single definition and approach of feminism. In generally , it can be said that, feminism has played significant role to make women voice, struggle and experience visible in last 200 years. Many feminist activist and researchers have carried important work to understand link between patriarchy , sexism , knowledge, masculine structure etc. Their works, analyses and struggles have made important contributions as well as strengthens our work.
On the other hand , we have also some criticism of feminism for example mainstream feminism’s analysis of sexism in terms of gender only. We also need to deeply analysis effects of liberalism on feminism today. Under the liberalism , there are extreme individual freedom and consumerism which are frequently propagated as liberty and equality . Additionally , because of impact of liberalism , feminism failure to mobilize in grassroots level. Recently feminist emphasize ‘ intersectionality’ which is important to interlink forms of oppression and have holistic approach. However , it can be said that , there is failure of touching millions of women’s real lives .
As a Kurdistan women liberation movement , our goals is not to suggest that feminism and the Kurdish women’s movement are two separate things. Somewhat, we want to explore their relationships and focus on the original approaches of the Kurdish women’s movement that could provide some perspectives for other movements. Therefore, one of main aims of Jineoloji is to build a bridge between these important achievements and work together to strengthen women struggle , to build an alternative field of women’s sciences for whole society, to overcome the current fragmentation , to strengthen the intersections.

12. What are the results achieved by the women’s movement and what are the future prospects?

We achieved imporant things in the women’s liberation struggle. In four parts of Kurdistan, women have autonomous self-defense organizations today. In our movement, we implement the principle of equal participation-equal representation, as well as co-presidency in all spheres, as well as women’s autonomous organizedness in the realm of economy, culture, diplomacy, art, etc. These are all part of the Kurdish women’s struggle to build an autonomous women’s confederal system. These are not enough however.It is vital for these institutional mechanisms or guarantees to be internalized as a way of life, beyond being organizational principles. This can happen only with a holistic revolutionary social transformation and struggle, which will organize itself around liberationist principles until these are wholeheartedly internalized by society.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *