Messico: rapito e assassinato un compagno del Comité por la Defensa de los Derechos Indígenas

ALLE POPOLAZIONI DI OAXACA
ALLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI
AGLI ORGANI DI DIFESA DEI DIRITTI UMANI
AI MEZZI DI COMUNICAZIONE LIBERI E A PAGAMENTO

Oggi, martedì 17 Luglio verso le 11.30 di mattina, uomini incappucciati e armati fino ai denti, con indosso delle divise militari, hanno assaltato la casa del compagno Abraham Hernández Gonzales nella comunità di Salchi, San Pedro Pochutla. Lo hanno portato fuori dalla sua casa con la violenza, portandolo quindi in una camionetta doppia grigia targato RH-70-92, scortata da motociclette.
Dal momento del prelievo forzato, l’avviso è stato dato alle varie corporazioni di polizia senza che nessuno di loro facesse alcun tentativo di localizzare il compagno, che dopo circa cinque ore è stato trovato senza vita vicino alla stessa comunità.
Riteniamo responsabile diretto il governo di Alejandro Murat sia per il rapimento che per l’assassinio del compagno Abraham Hernández, il quale ha svolto un ruolo importante come coordinatore locale della comunità dei Ciruelos. La mancanza di interesse da parte del governo nel cercare di risolvere casi come questo mostra una complicità con i gruppi criminali che operano nella regione e nello stato, lasciandoli liberi di agire a tutte le ore del giorno, senza che nessuno li fermi, così come mostra la farsa della operazione “spiaggia sicura”, quando è in questi luoghi che l’insicurezza viene mostrata con maggiore forza, ancor più in questo ritorno del PRI nello stato di Oaxaca che, come sappiamo, è in collusione con il traffico di droga.
Chiediamo giustizia e la punizione per gli autori e i mandanti dell’assassinio di Abraham Hernandez, così come esigiamo giustizia per i nostri tre compagni uccisi lo scorso 12 febbraio e che fino ad ora il governo dello stato non è riuscita a dare progressi sul caso e i responsabili di questi crimini rimangono in libertà.
Chiediamo alle organizzazioni sociali di unirsi a questa richiesta di giustizia per i compagni uccisi del CODEDI e per tutti gli/le attivist* sociali e i/le difensori dei diritti umani che vivono in un momento di costante minaccia.

BASTA ALLE AGGRESSIONE AL CODEDI
GIUSTIZIA PER I NOSTRI COMPAGNI ASSASSINATI
ALEJANDRO VIVE
LUIS ANGEL VIVE
IGNACIO VIVE
ABRAHAM HERNANDEZ VIVE

Comité Por la Defensa de los Derechos Indígenas CODEDI, a 17 de Julio del 2018

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *