Terzigno: usate armi non convenzionali dalla polizia

[vsw id=”YO1GbyWiNxM” source=”youtube” width=”425″ height=”344″ autoplay=”no”]

In questo video una conferenza stampa dei cittadini dei paesi vesuviani che si oppongono all’apertura di nuove discariche nella loro zona. In questa conferenza stampa i cittadini denunciano l’uso da parte delle forze dell’ordine di lacrimogeni al gas CS e di proiettili.

Nella legislazione italiana i gas CS sono classificati come armi da guerra di terza categoria, ovvero come armi chimiche.
L’uso del gas Cs in guerre internazionali è stato vietato nel 1997 (il gas CS fu largamente usato nella guerra in Vietnam) con la convenzione sulle armi chimiche, resta legale in alcuni stati, tra cui l’Italia che l’ha usato durante il g8 di Genova del 2001, ad uso della polizia.

La tossicità del gas Cs è già stata dimostra. Danneggia polmoni, cuore e fegato. Può provocare vesciche e gonfiori, se metabolizzato è possibile trovare cianuro nei tessuti umani.

Il governo spesso ci terrorizza avvertendoci della possibilità di attacchi terroristici di fondamentalisti islamici con esplosivi o armi chimiche. Per ora il dato di fatto è che le forze dell’ordine usano armi chimiche contro i cittadini protestano rivendicando diritti e dignità.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *