Ylmaz Orkan di UIKI Onlus in visita a Barletta.

Sabato 8 febbraio ospiteremo a Barletta Ylmaz Orkan portavoce di UIKI Onlus (Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia) per parlare di ciò che sta accadendo in Siria del nord a seguito dell’invasione turco-jihadista dello scorso ottobre. Sarà un’occasione importante per discutere con un membro della diplomazia del movimento kurdo sulla situazione politica ed umanitaria in quei territori, sulla persecuzione di kurdi ed assiri ad opera delle fazioni jihadiste che hanno occupato le zone di confine turco-siriano da Tell Abyad a Serekanye e sul mancato rispetto di tutti gli accordi di cessate il fuoco di cui la Russia si era fatta garante dopo il “ritiro” degli Stati Uniti e della coalizione.
L’invasione dei territori del Rojava (Kurdistan siriano) non è una semplice operazione militare di occupazione di territori nemici, è una scelta politica di cancellazione dell’esperienza rivoluzionaria in atto da anni in tutta la Confederazione democratica della Siria del nord. Una realtà basata sull’emancipazione della donna e dei più giovani, sulla coesistenza pacifica di tutti i gruppi etnici e religiosi, sull’autogoverno e sull’autodifesa dei territori. Il Confederalismo democratico rappresenta ad oggi l’unica alternativa di pace in Siria del nord ed occidentale e si propone come un modello per tutto il medioriente. Una terza via lontana dalle logiche di “pacificazione” imperialiste delle coalizioni a guida NATO in contrapposizione a quelle dei regimi sanguinari, dalla barbarie del fondamentalismo religioso. Le recenti tensioni USA – Iran, le proteste che da anni infiammano l’Iraq e lo stesso Iran, la repressione della Turchia di Erdogan sono una prova di come i modelli e le pratiche di governo e gestione dei territori esistenti abbiano fallito.
Ne approfitteremo anche per fare il punto con Ylmaz Orkan delle pesanti responsabilità della politica internazionale nel dilagare di formazioni fondamentaliste legate a ciò che resta dello Stato Islamico e sul come la diplomazia dovrebbe muoversi per la risoluzione dei conflitti e l’immediata cessazione delle ostilità che mettono a rischio la vita di migliaia di civili e tentanto di cancellare gli sforzi di coloro che hanno per anni combattuto e sconfitto la barbarie dello Stato Islamico.
Nella stessa giornata Ylmaz Orkan sarà ricevuto, in mattinata, dal Sindaco di Barletta a palazzo di città, in cotinuazione con le iniziative di solidarietà che hanno visto la votazione della mozione in solidarietà al Rojava dello scorso ottobre.

Sabato 8 febbraio:

  • alle 11:00 – incontro a palazzo di città con Sindaco ed amministrazione comunale;
  • alle 19:00 – dibattito pubblico presso il circolo Arci Cafiero.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *